Le 10 più importanti scoperte scientifiche del 2023

Il 2023 è stato un anno più che fantastico per la scienza! Vediamo 10 grandi scoperte che hanno caratterizzato l’anno che sta per finire

Non se ne parla mai abbastanza, ma la scienza negli ultimi anni ha fatto davvero grandissimi passi in avanti, arrivando a far conoscere eventi del passato fino a poco fa ignorati, a far comprendere meglio le particolarità del nostro universo, a scoprire nuove creature dei mari e molto altro ancora. Il 2023 nello specifico è stato un anno più che fantastico per la scienza, con scoperte che potrebbero rivoluzionare in modo significativo le nostre conoscenze e il nostro futuro. Ma di quali scoperte stiamo parlando? Ecco le migliori 10.

Il 2023 della scienza, un anno semplicemente incredibile! Ecco le migliori 10 scoperte

Nel corso dell’anno che sta per concludersi, gli astronomi hanno effettuato nuove scoperte nel cosmo, i biologi hanno ampliato la mappa delle creature sulla Terra con ulteriori informazioni, mentre i paleontologi hanno svelato nuovi dettagli sui dinosauri che popolavano il nostro pianeta milioni di anni fa. Queste ultime rivelazioni alimentano l’interesse e la continua scoperta di nuovi misteri nel percorso della ricerca scientifica dell’umanità. Ma vediamo quali sono le scoperte di quest’anno che hanno suscitato più scalpore.

Scoperto il fosforo su Encelado, una delle lune di Saturno

Recenti scoperte chimiche evidenziano la presenza di fosforo nell’oceano di Encelado, la sesta luna più grande di Saturno, accrescendo le prospettive della sua idoneità per ospitare la vita. Gli scienziati, utilizzando il Cosmic Dust Analyzer a bordo della sonda Cassini, hanno individuato fosforo nei granelli di ghiaccio di Encelado. Quest’elemento, insieme a carbonio, idrogeno, azoto, ossigeno e zolfo precedentemente individuati, rappresenta un contributo significativo per sostenere la vita. La presenza di questi elementi essenziali consolidano Encelado come un promettente candidato per la ricerca di vita extraterrestre, contribuendo a comprendere meglio le dinamiche di questo astro ghiacciato.

Encelado, luna di Saturno
Encelado, luna di Saturno | Pixabay @dottedihippo – Mentiscura.com

Le grandi increspature nel tessuto dello spazio-tempo

Per la prima volta, gli studiosi hanno rilevato onde gravitazionali a bassa frequenza che attraversano la galassia. Questi movimenti ondulatori cosmici, anche detti “increspature”, sembrano essere il riflesso lontano dell’interazione e della fusione di buchi neri supermassicci, a distanze di molti miliardi di anni luce. Un team di ricercatori internazionali ha individuato queste onde cosmiche osservando leggere variazioni temporali nei segnali radio emessi dalle stelle pulsar. Questa scoperta suggerisce che nell’universo primordiale potrebbero esserci stati molti più buchi neri giganti di quanto inizialmente previsto. L’approfondimento di questo nuovo tipo di onde gravitazionali potrebbe fornire ulteriori dettagli sulle origini dell’universo e contribuire a una migliore comprensione delle sostanze e delle forze invisibili che caratterizzano il cosmo.

Un’antica balena che potrebbe essere stata l’animale più imponente mai esistito

Soppiantando la balenottera azzurra, un antico cetaceo, noto come Perucetus colossus, emerge come possibile titano della fauna animale, potenzialmente il più imponente mai esistito. Un’analisi recente delle ossa fossili di questa balena antica, che solcava le acque al largo della costa del Perù oltre 37 milioni di anni fa, suggerisce che potrebbe aver raggiunto un peso di oltre 300 tonnellate e una lunghezza di circa 18 metri. Se confermati, questi dati collocano il Perucetus come il gigante supremo della fauna, superando la balenottera azzurra, più lunga ma “solo” di circa 200 tonnellate, con i suoi 30 metri.

Il decodificatore cerebrale che traduce i pensieri degli esseri umani

Anche se non rientra tecnicamente nella categoria di un dispositivo di “lettura del pensiero”, la ricerca innovativa dell’Università del Texas ad Austin presenta un sistema di laboratorio all’avanguardia basato sull’intelligenza artificiale che traduce l’attività cerebrale in un flusso continuo di testo. Questo “decodificatore semantico” non richiede alcun impianto chirurgico; si basa invece su scansioni di risonanza magnetica funzionale per identificare l’attività cerebrale attivata da input come podcast o immagini. Sebbene non fornisca una trascrizione parola per parola, il sistema crea un dizionario di modelli di attività cerebrale basato sulle risposte di un individuo a determinate parole o immagini. Successivamente, utilizza tale dizionario per stabilire correlazioni tra l’attività cerebrale e i pensieri dell’individuo. Questa tecnologia, che sfrutta algoritmi di generazione del linguaggio dell’intelligenza artificiale, è ancora in fase iniziale, ma solleva già questioni etiche e di privacy mentale in situazioni non volontarie. Tuttavia, offre nuove speranze per le famiglie di coloro che hanno difficoltà di comunicazione.

Utensili costruiti dagli uomini tre milioni di anni fa

Nella regione sud-occidentale del Kenya, alcuni archeologi hanno riportato alla luce un ritrovamento straordinario: utensili in pietra associati a fossili di ominini del genere Paranthropus, antichi parenti non umani della nostra specie. La scoperta di questi utensili, datati potenzialmente a tre milioni di anni fa, costituisce una prova tangibile che gli ominini non umani hanno sviluppato tecniche litiche. Inoltre, suggerisce che lo sviluppo degli utensili è avvenuto in un periodo più precoce di quanto inizialmente ipotizzato. Poiché il Paranthropus possedeva denti e mascelle di grandi dimensioni, si riteneva precedentemente che non avesse bisogno di utensili in pietra per manipolare il cibo, come afferma Emma Finestone, paleoantropologa del Museo di Storia Naturale di Cleveland. Tuttavia, le ultime scoperte si sono poste contro questa teoria.

Tracce chimiche che sposterebbero indietro nel tempo le origini della vita

Tracce chimiche estratte da rocce antiche in Australia sembrano indicare che livelli avanzati di struttura cellulare erano diffusi già tra circa 1,6 miliardi e 800 milioni di anni fa, supportando teorie che suggeriscono un’origine sorprendentemente precoce della vita complessa. L’evoluzione degli eucarioti, organismi con un nucleo cellulare ben definito, è stata in gran parte oscura, quindi un team di ricerca internazionale ha adottato un approccio innovativo: ha cercato i sottoprodotti delle molecole necessarie agli eucarioti per formare le loro membrane cellulari. La scoperta di tracce di tali molecole in antichi campioni di roccia potrebbe costituire una prova della presenza degli eucarioti. Il campione più antico contenente queste molecole, proveniente dalla formazione di Barney Creek in Australia e risalente a 1,6 miliardi di anni fa, ha esteso temporalmente le evidenze chimiche della presenza degli eucarioti, allineandole maggiormente alle prove genetiche e ai microfossili rilevati.

Superata la soglia di 5500 pianeti scoperti

A agosto, circa tre decenni dopo la scoperta iniziale da parte degli astronomi dei primi pianeti al di fuori del nostro sistema solare, gli scienziati hanno annunciato di aver identificato sei nuovi esopianeti, portando il totale conosciuto a oltre 5.500. Grazie a telescopi come il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS), la ricerca degli esopianeti continua a rivelare una notevole varietà di nuovi mondi che popolano la galassia. Inoltre, osservatori potenti come il James Webb Space Telescope stanno fornendo dettagli aggiuntivi su questi mondi, come nel caso di K2-18 b, un pianeta dalle dimensioni comprese tra quelle della Terra e quelle di Nettuno, che potrebbe nascondere un vasto oceano sotto una spessa atmosfera.

La menopausa degli scimpanzé

Per lungo tempo, i biologi hanno indagato sui possibili vantaggi evolutivi derivanti dalla vita oltre la fase riproduttiva in alcuni animali. Finora, si sapeva che solo le orche, i globicefali di Gray, i narvali, i beluga, le pseudorche e gli esseri umani sperimentano la menopausa. Tuttavia, un nuovo studio basato sull’analisi a lungo termine degli ormoni presenti nell’urina di scimpanzé nel Kibale National Park in Uganda conferma che anche questi animali proseguono nel ciclo vitale oltre la menopausa. Gli esemplari femmina di scimpanzé, analizzati tramite campioni di urina, sono entrati in menopausa intorno ai 50 anni, una curiosa coincidenza con gli esseri umani. Sebbene alcune specie di balene e delfini dimostrino che le femmine più anziane contribuiscono ad allevare le generazioni successive, questo non sembra applicarsi agli scimpanzé, che non si occupano della prole degli esemplari imparentati. Una teoria suggerisce che la menopausa possa ridurre la competizione per la riproduzione tra i primati, un aspetto ancora da approfondire.

La prima nascita vergine osservata in un coccodrillo

L’ultimo caso di partenogenesi, una forma di riproduzione asessuata, coinvolge una femmina di coccodrillo americano in un parco del Costa Rica che ha generato una prole senza coinvolgimento di un maschio. Questo fenomeno, tipico in popolazioni animali con un numero molto basso di esemplari, era stato precedentemente osservato in condor della California, alcune specie di squali, draghi di Komodo e serpenti, ma mai in coccodrilli. La femmina in questione non aveva avuto contatti con altri coccodrilli per circa 16 anni, e le analisi genetiche hanno confermato che il feto era un clone parziale della madre. Anche se l’esemplare vive in cattività, la scoperta potrebbe avere implicazioni per i coccodrilli americani selvatici, classificati come specie vulnerabile dall’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura.

Coccodrillo
Coccodrillo | Pixabay @Wirestock – Mentiscura.com

Lo sviluppo di un nuovo genoma

Gli Istituti nazionali di sanità statunitensi (NIH) hanno introdotto un nuovo pan-genoma, un fondamentale aggiornamento rispetto al genoma umano di riferimento stabilito 20 anni fa. Questo modello più attuale incorpora una varietà più ampia di rappresentanza umana, con una diversità etnica e razziale aumentata, un passo cruciale per avanzare nella medicina personalizzata. Il nuovo pan-genoma attualmente contiene le sequenze genomiche di 47 individui, con l’obiettivo di includere circa 700 persone. In contrasto con il modello precedente che si basava principalmente sul genoma di un singolo individuo, prevalentemente di origine europea, questa nuova versione mira a una maggiore rappresentatività della diversità umana. Sebbene i genomi di due persone siano solitamente identici per oltre il 99%, individuare le differenze può rivelare informazioni cruciali sulla predisposizione alle malattie e guidare decisioni nei trattamenti medici, come indicato dagli NIH.

Impostazioni privacy