I topi amano davvero il formaggio?

Nella nostra mente i topi sono ghiotti di formaggio, ma è davvero così o è solo una credenza? Scopriamo di più su questi piccoli animali

Chiunque abbia visto Tom e Jerry o un qualsiasi cartone animato con un topo come protagonista, avrà notato che molto spesso viene rappresentato con in mano un pezzo di formaggio. Ma si tratta di una leggenda o davvero i topi amano questo alimento? Scopriamolo insieme.

Che cos’è il topo?

Prima di parlare delle sue abitudini alimentari è meglio conoscere meglio questo piccolo animaletto.

I roditori sono il gruppo di mammiferi più grande in assoluto e rappresentano il 40 % delle specie della classe dei mammiferi. Mica male per un animale così piccolo…

Infatti, non esiste una sola specie di topo ma ben 38 specie differenti. La più diffusa è il Mus musculus, ovvero il topolino comune, conosciuto anche come topo domestico.

Questa tipologia di topo si trova in qualsiasi parte del mondo. Infatti, si tratta di una specie originaria dell’Asia centrale che si è diffusa in tutto il globo insieme all’uomo attraverso il commercio via mare e via terra.

Anatomia del topo

Il corpo di questo piccolo roditore ha delle particolarità molto interessanti, le principali sono:

  • Il muso: che ospita le narici e un organo vomeronasale, utilizzato dall’animaletto per individuare i feromoni. Sul muso si trovano anche le vibrisse, che sono un po’ le sue seconde mani e gli consentono di orientarsi al buio e comprendere le dimensioni delle fessure in cui si infila.
  • Le zampe: il topo ha delle dita munite di artigli e le zampe posteriori sono tendenzialmente più lunghe delle anteriori.
  • I denti: sono l’aspetto più caratteristico del topo. Infatti, i suoi incisivi sono sempre in crescita e devono costantemente essere limati attraverso il tipico “rosicchiare” per evitare che crescano a dismisura.

Quest’ultimo elemento è un informazione importante per capire le abitudini alimentari del piccolo roditore.

L’alimentazione del topo

Topolino che mangia
Il topo è un animale onnivoro – Pexels – menstiscura.com

 

I topi sono animali onnivori. Questo significa che mangiano praticamente di tutto: da prodotti di origine vegetale, fino alla carne (anche se non è esattamente il loro alimento preferito).

Il topo, quindi, si alimenta con tutto quello che riesce a trovare: radici, frutta, semi, cereali, carboidrati ma non dice di no nemmeno alla spazzatura. Ciò che sconcerta maggiormente è che i topi, in assenza di alternative, arrivano anche a mangiarsi tra di loro pur di sopravvivere.

I topi amano davvero il formaggio?

Pezzo di formaggio su tagliere con pane
Il formaggio piace davvero ai topi? – Pexels – mentiscura.com

 

Dopo questa piccola introduzione sul topo, è arrivato il momento di capire se si tratta davvero di un animale così ghiotto di formaggio oppure no.

Innanzitutto, il formaggio è un alimento a cui il topo non è stato abituato in natura. Si tratta di un cibo che non sarebbe mai stato in grado di trovare per conto suo nei boschi o nelle praterie. Nell’ambiente naturale i topi risultano per lo più erbivori, in città invece devono per forza adattarsi ad altri tipi di alimenti, perciò ecco spiegata la comparsa del formaggio nel loro menù.

Quindi il formaggio è diventato un alimento del topo da città, ovvero il topo domestico, a causa del contatto ravvicinato con l’essere umano, che invece è produttore e consumatore di formaggio in grosse quantità.

È probabile, inoltre, che il formaggio neanche piaccia ai topi a causa del suo odore molto forte che potrebbe disturbare l’olfatto sensibile di questi roditori.

La risposta quindi è no, i topi non amano per niente il formaggio e lo mangiano sono quando non trovano delle alternative.

Perché continuiamo ad associare il topo al formaggio?

Ma se il topo in realtà preferirebbe mangiare tutt’altro, da dove deriva la famosa immagine nella nostra mente di un tenero topolino che addenta un pezzo di gruviera?

Questa credenza è nata molto prima dell’avvento dei cartoni animati. Nel Medioevo, probabilmente, il formaggio veniva conservato in aree sotterranee, nel tentativo di tenerlo al fresco anche in assenza di frigoriferi, questo potrebbe aver portato l’alimento a stretto contatto con i topi che vivevano laggiù.

Anche Seneca ci parla di topi e formaggio, e questo ci porta a pensare che anche nell’Antica Roma, l’immaginario comune dei nostri antenati associasse l’animaletto con questo alimento. Il formaggio, infatti, veniva conservato nelle dispense e sugli scaffali in cucina, e risultava facilmente raggiungibile dai topi delle case romane.

Il topo è un animale antichissimo che ha convissuto con l’uomo per molto tempo, nascosto tra le assi del pavimento e le crepe sulle pareti. Ha viaggiato con l’uomo per mari e monti fino a stabilizzarsi con lui nelle grandi città.

Pare logico quindi, che le abitudini alimentari del topo si siano, in qualche modo, adattate a quelle umane, perché è proprio del nostro cibo che è arrivato a nutrirsi. Perciò, con il tempo ha sviluppato una predilezione per i cibi di cui facciamo largo utilizzo come: il burro di arachidi, il cioccolato e gli alimenti contenenti zucchero, che risulterebbero proprio i più amati dal piccolo animale.

Il formaggio si trova all’ultimo posto dei suoi cibi preferiti. Ma il topo non è certo schizzinoso, quindi, piuttosto che morire di fame, accetta anche quello.

Impostazioni privacy