Le frasi che i manipolatori usano più spesso: così li riconosci subito e stai in guardia

Scopri quali sono le frasi tipiche dei manipolatori: in questo modo potrai riconoscerli subito ed evitare i loro attacchi.

Saper riconoscere dal primo sguardo una persona che cerca di manipolarci non è sempre facile. Soprattutto perché in tanti casi prima di passare all’azione sono brave nell’ottenere la nostra fiducia. Come fare, quindi?

frasi dei manipolatori
Frasi tipiche dei manipolatori: ecco quali sono (mentiscura.com)

Per fortuna, ci sono delle frasi tipiche che usano proprio quando stanno cercando di manipolarci e che una volta individuate sarà semplice riconoscere, arrivando a smascherare chi le pronuncia. Il tutto per una vita sicuramente più sicura e a prova di manipolatori.

Come riconoscere una persona manipolatrice

Ci sono persone che per ottenere dei benefici preferiscono manipolare gli altri piuttosto che agire in prima persona. Si tratta di un atteggiamento che può avvenire tra capo e impiegato, tra due partner, tra genitori e figli, ma anche tra amici.

le frasi più usate dai manipolatori
Quali frasi usano di solito le persone che vogliono manipolarci (mentiscura.com)

Per questo motivo, può essere molto utile riconoscere da subito le frasi tipiche che vengono dette ogni volta e che una volta riconosciute aiuteranno a mettersi in guardia e a evitare di cadere nella trappola tesa da chi vuole manipolarci. Tra le più usate ci sono, infatti:

  • Non ho detto questo.
  • Tu non capisci.
  • L’ho fatto perché mi ci hai costretto.
  • Se ci tieni a me devi farlo.
  • Stai male per ogni cosa.

Queste sono solo alcune delle frasi tipiche di chi cerca di manipolarci. L’aspetto in comune è il tentativo di addossare una colpa che non c’è al fine di produrre dei sensi di colpa che spingano all’azione. Ecco, quindi, che attraverso una ‘semplice’ frase si cerca di ottenere ciò che si desidera. Si tratta di un atteggiamento manipolatore che evidenzia al contempo lo scarso interesse verso il male che si può causare dando appunto una colpa che non c’è. Entrambi aspetti che dovrebbero sempre mettere in guardia e far capire che l’altra persona non è quella che si credeva di conoscere e che, soprattutto non vuole il nostro bene.

Il modo giusto di agire? Prendere al più presto le distanze in modo da non correre il rischio di cascarci e di ritrovarsi in una spirale dalla quale sarebbe poi molto difficile uscire. E se ci si accorge della cosa quando è già in essere? In tal caso è sempre meglio chiedere sostegno morale a una persona amica e di fiducia e se si hanno problemi con il senso di colpa, anche a uno psicoterapeuta. In questo modo sarà più facile mantenere la forza nei momenti di debolezza e agire per mettersi al sicuro dalla persona che cerca di manipolare a tutti i costi.

Impostazioni privacy