Bonus bollette, sono cambiati i requisiti per richiederlo: ecco chi e come può presentare domanda ora

Sono cambiati i requisiti relativi al bonus bollette: è bene sapere quali sono per evitare di sbagliare. Ecco tutti i dettagli.

Il bonus bollette è stato introdotto per aiutare le famiglie che si trovano in condizioni economiche di particolare disagio. A causa degli aumenti riguardanti le materie energetiche, infatti, le utenze stanno raggiungendo vette davvero insostenibili.

bonus bollette cambia tutto
Bonus bollette, cosa occorre sapere sui requisiti – mentiscura.com

Alla luce di quanto appena detto, il bonus in questione risulta essere senza ombra di dubbio un valido strumento grazie al quale poter pagare con maggiore serenità le bollette. A tal proposito, però, va anche detto che sono cambiati i requisiti per richiederlo.

Bonus bollette, ecco tutto ciò che c’è da sapere

Il bonus bollette è stato modificato. Proprio per questo vale la pena approfondire tutto ciò che c’è da sapere su quelli che sono i requisiti necessari per presentare la domanda e soprattutto approfondendo anche quelli che risultano essere gli importi attuali.

bonus per persone che hanno bisogno di macchinari medici
Bonus bollette: le cifre riconosciute a chi ha bisogno di macchinari che li tengono in vita – mentiscura.com

Tanto per cominciare, bisogna dire che il bonus bollette viene accordato dall’Arera e consente di sostenere le  spese per la fornitura dell’energia elettrica. Ciò vale per le famiglie che vivono in condizioni di disagio fisico e che necessitano di apparecchiature elettromedicali salvavita. Queste difatti comportano un elevato consumo di energia.

Per quanto concerne la presentazione della domanda, questa può essere presentata dal malato purché sia intestatario della fornitura elettrica o anche dalla persona che risulti convivente con il soggetto affetto da disabilità. Nello specifico, bisogna certificare la grave condizione di salute del soggetto, la tipologia di apparecchio elettromedicale utilizzato e il numero di ore in cui viene utilizzato. Ovviamente, è da specificare anche l’indirizzo dell’abitazione dove risulta essere installata l’apparecchiatura elettromedicale.

In riferimento al valore del bonus, bisogna precisare che ha una natura variabile ed è connesso ad una serie di informazioni. Tra queste ci sono la potenza della fornitura, la tipologia di apparecchio elettromedicale utilizzato e infine le ore di utilizzo.

Si ricorda, in ultima analisi, che il bonus elettrico in questione può essere cumulato con qualsiasi altro bonus previsto in caso di disagio di natura economica. Ovviamente, ciò vale soltanto nel caso in cui si risulti in possesso dei requisiti necessari per poter avere accesso ad essi. Può essere utile sapere che il bonus elettrico per disagio fisico non prevede la presentazione di Isee.

Impostazioni privacy