Metodi poco conosciuti per ridurre significativamente l’ansia: nessuno ci pensa, ma in effetti è proprio così

Complice lo stile di vita oggi dominante, l’ansia è per molti di noi un’ingombrante compagna di viaggio. Ecco come liberarsene (o almeno ridimensionarla).   

Alzi la mano chi può dirsi completamente immune da quella spiacevole sensazione chiamata ansia. Chiunque, in misura e intensità variabile, ogni giorno deve far fronte a pensieri, preoccupazioni, paure, problemi, ostacoli, insomma a una serie di inconvenienti che rendono la vita meno serena e spensierata di quanto potrebbe e dovrebbe essere.

Premesso che in certi casi il fenomeno assume un carattere a tutti gli effetti patologico, per cui occorre affidarsi ai consigli di un professionista esperto, ecco alcune semplici soluzioni “fai-da-te” per scacciare l’ansia dalla nostra vita.    

metodi poco conosciuti per ridurre ansia
Può bastare un po’ di buona volontà e fiducia in se stessi per scacciare l’ansia dalla propria vita. (Mentiscura.com)

La psicologa Sophie Seromenho ha indicato alcuni dei modi migliori per liberarsi dallo stress e dall’ansia nella vita quotidiana.
In particolare, la specialista raccomanda 12 “esercizi” che non tutti conoscono, ma praticabili da chiunque senza troppo sforzo: basta un po’ di buona volontà e fiducia in se stessi. Provare per credere.

La strategia anti-ansia che può cambiarvi la vita

Di tanto in tanto, alla maggior parte di noi capita di ritrovarsi in uno stato di ansia estrema che si rifiuta ostinatamente di andare via. Vorremmo tanto risolvere il problema, ma non sappiamo cosa fare… Ed è proprio pensando a queste situazioni che la dottoressa Sophie Seromenho ha condiviso su Instagram 12 strategie anti-ansia. Vediamole una per una.

metodi poco conosciuti per ridurre ansia
Non è raro ritrovarsi in uno stato di ansia estrema che si rifiuta ostinatamente di andare via. (Mentiscura.com)

1. Rilassamento progressivo;

2. Respirazione diaframmatica;

3. Dieta ricca di zinco, vitamine B, C e D, magnesio e potassio;

4. Riduzione del consumo di zucchero trasformato;

5. Riduzione del consumo di caffeina;

6. Regolare esercizio fisico. L’esperta consiglia l’allenamento con i pesi, il pilates e lo yoga;

7. Attenta pianificazione delle attività quotidiane;

8. Trascorrere i fine settimana immerso nella natura;

9. Agopuntura/digitopressione;

10. Integratori (CBD, omega-3, ZMA, passiflora, valeriana, ashwagandha, GABA e 5-HTP);

11. Meditazione guidata;

12. Psicoterapia.

“Viviamo in un’epoca in cui si vuole essere sempre sul pezzo, ma in realtà non si ha tempo per nulla. Un’epoca in cui la stanchezza si accumula, ma non c’è mai tempo per fermarsi, fa notare la psicologa Patrícia Gonçalves in un post pubblicato su Instagram. Di qui il suo appello: “Ascoltate i segnali che vi dà il vostro corpo. Ha sempre qualcosa da dirvi”.

In questo senso, l’esperta richiama l’attenzione su quattro segnali che indicano che si sta tirando troppo la corda:

1. Ti svegli stanco/a e senti che il tuo sonno non è stato ristoratore;

2. Hai difficoltà a concentrarti;

3. Noti un aumento dell’irritabilità;

4. Senti che la memoria vacilla.

Guai a sottovalutare questi campanelli d’allarme: correte ai ripari prima che sia troppo tardi!

Impostazioni privacy